Riciclare ... per Risparmiare

comitato spontaneo dei cittadini di San Dorligo della Valle - Dolina

 
   
     
 
La Plastica.... cos'è, com'è usata, perchè è importante riciclarla.
             

La plastica è un prodotto creato dall'uomo, è ricavata dal petrolio con complessi processi di lavorazione ed è praticamente eterna essa infatti non essendo biodegradabile sopravvive per milioni di anni.
Disperdersa nell'ambiente il più delle volte imprigiona animali e piante; basti pensare che su 16 milioni di rifiuti raccolti in mare, oltre la metà sono costituiti da bottiglie, contenitori in plastica e buste e borse di plastica che soffocano i pesci.

In Italia la plastica rappresenta il 16% degli RSU. Se la plastica viene bruciata nell'inceneritore c'è il pericolo che si liberino nell'atmosfera sostanze dannose per la nostra salute, come la diossina; se si accumula in discarica la ritroveremo per sempre nell'ambiente ed anche l'interramento può liberare sostanze nocive come Cl2 e metalli pesanti, che possono essere già presenti nel composto o essere contenuti nei pigmenti usati per colorare e stampare l'oggetto.

Cloruro di polivinile.

E' il tipo di plastica più pericoloso. É' un polimero con buona permeabilità all'acqua e ai gas, per questo è il più diffuso nelle applicazioni biomediche (fiale, sacche per drenaggi, cateteri, ecc.) e nel settore dell'edilizia. Viene utilizzato anche per le bottiglie, flaconi di detersivo, shampoo, cosmetici, sacchetti della spesa, confezioni delle uova e dei cioccolatini.
Per le sue caratteristiche il P.V.C. è difficilmente riutilizzabile. Uno smaltimento non corretto può essere molto pericoloso: la combustione del PVC libera composti cancerogeni a base di cloro (diossine e furani) e genera acido muriatico in forma gassosa, uno dei responsabili delle piogge acide.


   

Polietilene tereftalato.

Il P.E.T. è la tipica plastica delle bottiglie d'acqua e di altre bevande gassate.
Viene inoltre utilizzato per: film per alimenti, palloni sonda, tessuti, bicchieri.


 
   

Polistirene.

Nella sua forma espansa è impiegato nell'edilizia per il suo potere isolante. I principali manufatti in P.S. sono: astucci, scatole, sottotorte, contenitori per formaggi, vaschette per frigoriferi, giocattoli, pettini, articoli musicali, ecc.

 

 
   

Policarbonato.

Usato per apparecchi di illuminazione, per caschi protettivi e biberon.

 

 
   

Polipropilene.

É impiegato nel settore medico (siringhe monouso), in quello degli elettrodomestici e per la fabbricazione di stoviglie e secchi per vernici e spazzatura.
I principali tipi di manufatti in P.P. sono: bicchieri di plastica, yogurt, nastri adesivi, bottiglie, ecc.
Insieme al P.E. costituisce il 60% della plastica contenuta nella spazzatura.


 
   

Polietilene.

I principali manufatti in polietilene sono: sacchetti per la spesa e per la spazzatura, flaconi di shampoo, detersivo, ecc., teloni agricoli, taniche, tappi per spray, secchi per vernici e per la spazzatura. É un materiale straordinariamente riciclabile grazie alla facilità di riutilizzo degli scarti di produzione e alla sua scarsa degradabilità.

 
         
Il riciclaggio dellai plastica, può avvenire in diversi modi:essere effettuato in diversi modi.
OMOGENEA: per ottenere oggetti in plastica omogenea si devono separare i contenitori in base al polimero con cui sono stati realizzati (P.E.T., P.E., P.V.C, ecc.).
ETEROGENEA: se non avviene la selezione si produrranno oggetti in plastica riciclata eterogenea.

         
   

OMOGENEA

• Il P.E. riciclato viene utilizzato per la realizzazione di contenitori per detergenti con uno strato di materiale riciclato pari al 25% della bottiglia. Altri utilizzi riguardano tappi e pellicole per sacchi della spazzatura.
• Il P.E.T. riciclato viene utilizzato (mischiato con il polimero vergine) per la produzione di nuovi contenitori trasparenti per detergenti. Altri possibili campi di applicazione sono quelli della fibre per realizzare, ad esempio, imbottiture, maglioni, pile, interni per auto.
• Il P.V.C. riciclato viene impiegato prevalentemente nel settore edile per la produzione di piastrelle, tubi, raccordi, ecc.

 

ETEOGENEA

• La plastica riciclata eterogenea, invece, viene impiegata di solito per la produzione di elementi di arredo urbano (panchine, recinzioni), giochi per bambini, cartellonistica stradale

Ecco cosa mettere nel bidone GIALLO distribuito dal Comune di San Dorligo della Valle - Dolina

• bottiglie di acqua e bibite (schiacciate e richiuse col tappo per non occupare spazio)
• flaconi di detersivi, shampoo, bagnoschiuma
• blister: confezioni sagomate (uova, ecc.)
• imballaggi in polistirolo espanso
• contenitori di alimenti (yogurt, vaschette, ecc.)
• confezioni di merende, biscotti e alimenti in genere
• borsette della spesa, buste, surgelati, ecc.
• film e pellicole per imballaggi (cellophane, ecc.)
• scatole e buste per abbigliamento (camicie, calze, cravatte)